giovedì 1 dicembre 2011

Vittorio De Seta (1923-2011)

SELLIA MARINA, CALAFRICA - E così è morto tal Vittorio De Seta, regista e sceneggiatore italiano. In circa 60 anni di carriera ha realizzato qualche film e diversi documentari, spesso dedicati alle regioni più sfigate d'Italia, ovvero la Calabria, la Sicilia e la Sardegna. Rivediamo insieme in ordine sparso Lu Tempu Di Li Pisci Spata (pigghia la fiocina! accidilu!), Articolo 23, In Calabria, Isole di fuoco, Pescherecci, Surfarara, Pasqua In Sicilia, Contadini del mare, I dimenticati, Un giorno in Barbagia, Parabola d'oro, Quando la scuola cambia, Dedicato ad Antonino Uccello e altri che non si trovano su youtube. Poi ci sono i lungometraggi: Banditi a Orgosolo, Un uomo a metà, Diario di un maestro e Lettere dal Sahara. Quest'ultimo, girato nel 2005 (ovvero quando De Seta aveva all'incirca 82 anni), narra le vicissitudini di un immigrato senegalese in Italia, dallo sbarco a Lampedusa fino alla ricerca di occupazione in varie città del nord, tra difficoltà, lavoro nero e razzismo. Dato l'alto valore sociale di questo film, ne sconsigliamo la visione a tutti i leghisti.

link

Morirono così


1 commento :

  1. Ma come, prendeva in considerazione le regioni più sfigate d'Italia e non ha preso in considerazione il Molise?

    http://it.wikiquote.org/wiki/Rat-Man#Albo_45.2C_Rat-Max

    RispondiElimina