venerdì 25 novembre 2011

Syd Cain (1918-2011)

LONDRA, PERFIDA ALBIONE - Finalmente Dio è riuscito a portarsi a casa Syd Cain: pensate, durante la Seconda Guerra Mondiale sopravvisse miracolosamente a un incidente aereo (si ruppe solo il collo, la schiena, le gambe e le braccia) e, subito dopo la convalescenza, fu colpito in pieno da un fulmine(!), ma grazie alla sua pellaccia dura riuscì a scamparla.

Syd Cain non verrà ricordato solo per questa duplice botta di culo, ma per essere stato il production designer in numerosi film, soprattutto in quelli della saga di James Bond. Qual è il compito di un production designer? Finora non ne avevo la minima idea, ora so che si tratta del tizio responsabile di una miriade di aspetti legati alla produzione di un film: la costruzione del set, la scelta degli effetti speciali, i costumi, etc. Per fare un esempio, è stato Cain a progettare il carrarmato drago in Licenza di Uccidere o l'orologio-sega-respingi-proiettili (recentemente battuto all'asta per 200.000$) in Vivi e lascia morire.

Oltre alle pellicole su 007, Cain ha lavorato anche in filmetti come Lolita, Chi ha incastrato Roger Rabbit?, Fahrenheit 451, Troppo caldo per giugno (a sua volta parodia dei film di James Bond) e Frenzy.

link

Morirono così


0 commenti :

Posta un commento