lunedì 28 novembre 2011

Ken Russell (1927-2011)

INFERNO - E' con sterminata amarezza che annunciamo la morte, e ne proclamiamo la resurrezione(?), di Ken Russell, regista pazzo inglese. Ecco, ora mi verrete a dire che non l'avete mai sentito nominare, brutti bastardi! Vuol dire che vi siete persi filmoni come I diavoli (capolavoro con Oliver Reed, suo attore feticcio, e Vanessa Redgrave), Stati di Allucinazione, Tommy (esatto, quello degli Who)... vabbè, questi sono quelli che ho visto io, poi ci sono Il cervello da un miliardo di dollari, Donne in amore, Il boy friend, Gothic, L'ultima Salomè, Prigionieri dell'onore, Whore (puttana), nonché una serie di biografilm di compositori come L'altra faccia dell'amore (Čajkovskij), Lisztomania (con Roger Daltrey nei panni di Liszt e Ringo Starr in quelli del Papa), The Secret Life of Arnold Bax (del quale non ho trovato neanche un'immagine) e La perdizione (dove Robert Powell fa Mahler).

Giunto alla vecchiezza, come capita a molti, sarà stata la demenza senile, l'arteriosclerosi o l'Alzheimer, qualcosa gli ha fatto perdere la luce della ragione: ha iniziato a fare film demmerda (tipo Mindbender, opera di propaganda su quel truffatore di Uri Geller) e ha partecipato addirittura a un'edizione del Celebrity Big Brother, che tristezza!

Ma qualche barlume di genialità era rimasta in lui anche a 80 anni: è del 2007 questo fantastico corto da lui scritto e diretto, A kitten for Hitler.

link

Morirono così


12 commenti :

  1. Nei biopic c'é da includere anche Mahler e Messia Selvaggio sul pittore e scultore Henri Gaudier. Bellino.

    RispondiElimina
  2. Quello di Mahler c'è (La perdizione), l'altro non è un compositore, altrimenti avremmo citato anche quello su Rodolfo Valentino

    RispondiElimina
  3. gothic vedilo che è molto fico. parla di una notte in italia a casa di Lord Byron trascorsa da Mary Shelley e Percy Shelley... e dalla quale sono uscite le ispirazioni delle loro opere principali... soprattutto il Frankenstein.

    RispondiElimina
  4. OT: mi spiegate come cazzo è possibile che oggi Gheddafi e Sic stavano a 20 punti di distanza o giù di lì... dopo 8 ore gheddafi a 1500 e sic 1200???

    MAH....

    RispondiElimina
  5. I diavoli meritano la coccarda di morto del mese, ché avete ragione, ciè, diobo', è un capolavoro bestemmiatore con la vanessa gobba e padre grandié chiavatore. Tommi invece mi ha fatto cacare pure quando l'ho visto da drocato, perché gli ù le piacevano alla mia morosa ma lei è frocia, e invece a me gli ù mi servono solo da vomitargli addosso quando sono sbronzo, apparte babbo raili, ché dai, in fondo, diobo', ciè, virgola, diobo'.
    Listomania invece mi fa sburrare.

    RispondiElimina
  6. Finalmente un morto decente!

    RispondiElimina
  7. E se ne va l'ultimo grande vecchio del cinema. Uno con due palle tali da metter la gobba al sex symbol britannico di quegli anni. Spero lo accolgano personaggi del calibro di: Monicelli, Leone,Kurosawa,Ford,Chaplin,Stroheim. Forse la sua dipartita è dovuta anche al fatto che, oggi i registi così debbon nascondersi per far spazio ai Virzì, agli Amelio ed ai Kiarostami...
    Che tristezza.

    RispondiElimina
  8. Padone ma che minchia stai dicendo?

    RispondiElimina
  9. Dichiarazione di voto: voterò LUI. Morto del Mese di Novembre PER FORZA.

    RispondiElimina
  10. Mi dispiace tantissimo, di lui amo GOTHIC con un dandy Gabriel Byrne nei panni di un posseduto e raffinato lord Byron. Gran film (l'ho originale, dvd della MGM), ma comunque gran regista, come scordarsi poi di TOMMY (e a me tra l'altro gli Who non è che facciano impazzire...).

    Il voto di novembre va obbligatoriamente a lui... goodnight sweet prince.

    RispondiElimina