martedì 18 ottobre 2011

Pete (XXXX-2011)

IRASBURG, VERMONT, USA - Conoscete la storia dell'alce Pete? Bah, non è che ci sia molto da sapere: in fondo è solo l'ennesimo animale salvato (si fa per dire) da Facebook. Non ho ben capito le motivazioni, ma pare che alcuni biologi al soldo dello stato del Vermont qualche tempo fa decise che Pete doveva morire, perché era portatore sano di qualche strana malattia delle alci e secondo loro poteva infettare gli altri esemplari della sua specie e compiere una specie di strage. Vabbè, ve l'avevo detto che non ci avevo capito molto. In ogni caso il padrone di Pete, ovvero questo vecchiaccio qua, si mise di traverso e diede inizio a una campagna per salvare il povero animale: altri si unirono alla lotta e fu così che nacque un sito web, poi raccolte di firme, violente manifestazioni coi blec bloc, l'immancabile pagina di Facebook con trilioni di fan (comunque un numero superiore a quelli della nostra pagina) e tanto tanto tanto tanto Vergognia! Non dimentichiamo il merchandising: magliette, spillette, tazze, orsetti, cani, etc.

Alla fine il governatore del Vermont ha ceduto alle pressioni e ha deciso che in fondo l'animale poteva vivere. Evviva! Peccato che Pete sia comunque morto dopo neanche un anno, pare a causa di complicazioni chirurgiche seguite a un'operazione agli zoccoli. Beh, si vede che era destino.

Curiosità: secondo il sito, a Pete piaceva Bob Dylan e il suo motto era "Vivi e lascia vivere".

link

Morirono così


3 commenti :

  1. ahahah non credevo ci fossero stati anche i blec bloc R.I.P. alce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IL GRANDE BLEK22 luglio 2017 12:25

      Anche con un fucile a pietra focaia, sti Black Block me li mangio in un boccone...ed anche i celerini, se e' per questo.

      Elimina
  2. pete sempre nei nostri cuori immortale

    RispondiElimina