lunedì 24 ottobre 2011

Jerzy Bielecki (1921-2011)

NOWY TARG, POLONIA - L'amore ai tempi di Auschwitz! Ci ha lasciato Jerzy Bielecki, che del succitato campo di concentramento è stato uno dei primi detenuti. Fu proprio lì che conobbe una prigioniera ebrea di nome Cyla Cybulska: i due s'innamorarono e progettarono insieme la fuga. Bielecki rubò una divisa da nazista e, fingendosi un SS che accompagnava una detenuta per un interrogatorio, riuscì a portare entrambi fuori dal campo. E' proprio vero, l'amore rende liberi! Purtroppo dopo la fuga dovettero separarsi: lui andò a combattere nell'Armia Krajowa, lei rimase nascosta. Alla fine della guerra a entrambi fu detto che l'altro era morto, così si rifecero una vita e non ci pensarono più: lui mise su famiglia in Polonia e lei sposò un tizio ebreo e insieme emigrarono a New York.

Passarono gli anni e finalmente, nel 1982, lei (nel frattempo rimasta vedova) scoprì da un documentario che il suo fidanzatino del campo di concentramento era ancora vivo e riuscì a rimettersi in contatto con lui, quindi prese un aereo e tornò in Polonia: lui l'aspettava all'aeroporto con un mazzo di 39 rose, una per ogni anno che era passato dal loro ultimo incontro. Guardate, che carini! Vecchiacci, ormai, ma carini.

La storia purtroppo non ebbe un lieto fine: lei voleva che lui lasciasse la moglie e la seguisse negli USA, ma Bielecki non se la sentì di accettare, per cui lei tornò in America e non se lo cacò più, non rispose neanche alle lettere che lui le mandava. Però, che cafona! Bah, comunque lei è morta nel 2002, chissà, magari ora sono finalmente insieme.

link

Morirono così


3 commenti :

  1. Questo ottobre è proprio prolifico...immagino novembre!

    RispondiElimina
  2. strano che la taodue non abbia dedicato una fiction alla vicenda....

    RispondiElimina
  3. Molto toccante.
    Non c'è niente come la morte che avvicina tutti.

    RispondiElimina