venerdì 10 giugno 2011

Nasser Hejazi (1949-2011)

TEHRAN, IRAN - E' morto il più grande portiere iraniano della storia: pensate un po' che oltre ad essere sceso in campo con l'Iran 62 volte riuscendo a partecipare a due Olimpiadi e ai mondiali del '78, fu preso in prova dal Manchester United per un intero mese e una volta apparve pure in panchina in un match vero, finché la rivoluzione islamica non lo costrinse a tornare in patria. Questo non stoppò la sua carriera, tanto che vinse ben due coppe d'Asia e divenne il secondo portiere asiatico più forte di sempre (ovviamente sta a voi scoprire chi è il primo). Arrivato ad una certa età si dedicò ad allenare il Dhaka Mohammedan SC, rendendola una delle più moderne squadre del Bangladesh. Evvai un altro successo per Nasser!

Inutile dire che tutti lo amavano in patria e lui colse la palla al balzo per buttarsi in politica, candidandosi come presidente, ma il Consiglio di salvaguardia della Costituzione decise che non poteva perché si era interessato alla politica da troppo poco tempo (ahh.. se avessero fatto qualcosa del genere in Italia a suo tempo).

Ad ogni modo questo veto non stoppò la voglia di politica di Nasser, il quale iniziò a sostenere apertamente i suoi candidati preferiti tipo Akbar Hashemi Rafsanjani e si permise di dire in tv che in Iran ci sono anche persone povere, rischiando un divieto eterno ad apparire in televisione, annullato solo grazie alla sua enorme popolarità.

Concludendo, una vita vissuta al massimo fino al giorno in cui, guardandosi dentro, scopre di avere un tumore ai polmoni; proprio in quel momento parte la gara a chi gli augura per primo una pronta guarigione dagli ex compagni di squadra, dai politici iraniani fino a Sir Ferguson e Blatter. Bene, a quanto pare uno di loro portava sfiga e la pronta guarigione non è mai arrivata, in compenso tutto l'Iran ha festeggiato con un funerale in pompa magna, la sua morte. Finalmente Nasser si sta zitto, non dà più fastidio a nessuno, gli dedicano uno stadio mastodontico e di lui rimane solo il suo soprannome, "Ostureh" (la Leggenda).

link

Morirono così


3 commenti :

  1. i secondi non se li ricorda mai nessuno... infatti che ve lo dico a fare che il numero uno tra i numeri uno d'asia è stato L'Arabo sudato Mohamed Al-Deayea?... ma ne riparleremo quando abbatteranno i pali di una porta per guarnire il suo cappotto di legno...

    RispondiElimina
  2. Blatter e' peggio di uno scarafaggio...sopravvive sempre.

    RispondiElimina