mercoledì 18 maggio 2011

Kenny D. Geidel (1947-2011)

PITTSBURGH, PENNSYLVANIA - Perché invece di scassarci i cosiddetti chiedendoci a gran voce di scrivere di tizi sconosciuti di cui tutti hanno già parlato non ci date mai una mano a scovare morti come Kenny D. Geidel? Cattivi lettori, cattivi!!!

Cosa? Vi state chiedendo chi cazzo fosse Kenny D. Geidel? Ma dove vivete? Beh, sicuramente non a Pittsburgh, altrimenti sapreste benissimo di chi stiamo parlando. Kenny D. Geidel era un imbonitore da stadio i cui urlettini farebbero invidia a qualunque tifoseria: i suoi "Lemonade heeeeere!", "Hot chocolate heeeeere!", "Cotton candy heeeeere!", "Coke heeeeere!" sarebbero bastati da soli il prezzo del biglietto. Di particolar menzione (ma credo l'abbiate già notato dai filmati qui sopra linkati) era il modo in cui, di tanto in tanto, Kenny si bloccava per cercare di seguire un minino la partita (o forse solo per riposarsi un po').

Durante l'ultimo match dei Pirates (la squadra di baseball locale) è stato osservato un minuto di silenzio in suo onore; il presidente dei Penguins (quella di hockey) ha perfino rilasciato questa dichiarazione:
Ken provided great service to our fans and was part of the fabric of a Penguins game. The history of Pittsburgh sports is unique because it includes not just great players and coaches but also memorable vendors and ushers. Ken was part of that history.
A quanto pare, è morto nell'adempimento del suo dovere: non basta già questo a sperare che possa tenere testa a Bin Laden nel sondaggio del prossimo mese?

link

Morirono così


0 commenti :

Posta un commento