venerdì 29 aprile 2011

David Wilkerson (1931-2011)

U.S. HIGHWAY 175, TEXAS, USA - Dio benedica l'America! Solo in quel paese possono diventare ricchi e famosi personaggi come David Wilkerson, predicatore evangelico e sedicente profeta, volato in paradiso dopo che la sua auto è stata investita da un camion, proprio mentre Dio non guardava, accipicchia. Negli anni '50, ispirato nientemeno che da lo Spirito Santo, partì per New York alla ricerca di giovani anime perdute: drogati, assassini, metallari, punkabbestia, leghisti, etc. A quanto pare ci riuscì, fondò vari centri di recupero bla bla bla. Su questa esperienza scrisse il best-seller La Croce e il Pugnale, che sarà poi trasformato nel bellissimo film omonimo con protagonista il grande Erik Estrada. Oltre ad aver scritto diversi altri capolavori come Hungry For More of Jesus (eccoti accontentato), I'm Not Mad at God (ce lo racconta Eleonora), Jesus Christ Solid Rock, Wilkerson era anche un profeta: nell'ennesimo suo libro, La Visione, elencava una serie di catastrofi che sarebbero avvenute negli anni a venire. Cose del tipo
- Topless women will appear on television, followed by full nudity.
- Adult, X rated movies will be shown on cable television. Young people will gather at homes to watch this kind of material in groups.
- There will be an acceptance of homosexuality, and the church will even say that it is a God-given gift.
- There will be a new drug that will be popular with teenagers that will break down resistance and will encourage sexual activity.
- Homosexual and lesbian ministers will be ordained and this will be heralded as a new breed of pioneer.
- There will be nude dancing in church, but this will never be widespread.
ma soprattutto
- A new kind of cosmic storm appearing as a raging fire in the sky leaving a kind of vapor trail
Beh, alcune si sono effettivamente avverate, peccato per la tempesta cosmica infuocata.

Ma David Wilkerson era anche un collega: aveva un blog, anche in italiano, che sicuramente meriterebbe un commento per ogni post, ma per non dilungarci e rimanere in tema ci limitiamo a copiaincollare questo:
Ogni messaggio che parla della morte ci dà fastidio. Tentiamo di ignorarne il solo pensiero. Sospettiamo che coloro che ne parlano siano patologici. Raramente parliamo di come potrebbe essere il cielo, ma la maggior parte delle volte l'argomento della morte è un tabù.
Che ti devo dire, Wilkerson, sfondi una porta aperta.

link

Morirono così


1 commento :

  1. Secondo me la tempesta infuocata era una metafora delle scie chimiche degli aerei a reazione, quindi ne ha azzeccata un' altra. Aspettiamo con ansia la gente che danza nuda in chiesa, a ritmo di gospel e sulle note dell' Alleluja.

    RispondiElimina