domenica 9 gennaio 2011

Carlos Castro (1945-2011)

NEW YORK, MY CITY OF RUINS - Brutta fine per Carlos Castro, scrittore, giornalista televisivo e attivista gay portoghese. Il suo amante, il giovine Renato Seabrastar di un reality, lo ha ucciso e poi gli ha tagliato i coglioni, oppure gli ha tagliato i coglioni e poi l'ha ucciso, non sappiamo. Eh si, brutta fine, ma appropriata, per uno che di nome fa Castro.

link

Morirono così


10 commenti :

  1. Spero che prima gli ha tagliato i coglioni e poi lo ha ucciso soffocandolo con i suoi stessi coglioni dopo averglieli conficcati in gola. Questa secondo il mio parere è la fine che meritano i GAY.

    RispondiElimina
  2. sei una sagoma, viscido.

    -adl

    RispondiElimina
  3. Oppure un idiota.

    RispondiElimina
  4. Concordo con Anonimo: è un idiota.
    Anzi, è un autentico coglione.

    RispondiElimina
  5. viscido=troll, non vi fissate

    RispondiElimina
  6. Ma quale troll io esprimo solo le mie idee.

    RispondiElimina
  7. Fai bene ad esprimerle, ma faresti meglio ad esprimerle davanti ad uno psichiatra.

    RispondiElimina
  8. oppure puoi esprimerle utilizzando il congiuntivo quando necessario

    RispondiElimina
  9. certo che sto tizio per essere del '45 li portava davvero male.. sembra più uno del '25.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era parente di Fidel Castro......e vabbe', se insistete, non posso esimermi.....QUE VIVA FIDEL !! QUE VIVA LA REVOLUTION !!

      Elimina