martedì 24 agosto 2010

Anne Frankboom (1860-2010)

AMSTERDAM, PAESI BASSI - Eh si, è un po' una forzatura, ma chi se ne frega, quando mai ci ricapiterà di scrivere il necrologio di un albero? E poco importa se stabilisce forzosamente il record, ormai difficile da battere, dell'essere vivente più longevo ad essere ospitato su queste pagine. Alla faccia della povera Kiki, precedente detentrice certificata del titolo (vabbè, che 1860 l'abbiamo scritto un po' a capocchia, sappiamo solo che aveva fra i 150 e i 170 anni). Ma poi, dove lo mettiamo, nel Boschetto di Gesù? Massì, qualcosa ci inventeremo, tanto prima o poi morirà qualche altro albero famoso, chessò, il Castagno dei Cento Cavalli, il Cipresso solitario di Monterey o il mitico Albero che appartiene a se stesso.

Ecco, guardate quante stronzate mi avete fatto scrivere... mi sono pure scordato che aveva fatto quest'albero per essere famoso... ah ecco, questo era il castagno le cui fronde, un tempo rigogliose, confortavano la piccola Anna Frank nella soffitta in cui si nascose per due anni.
Il nostro castagno è in piena fioritura, dai rami più bassi alla cima. È carico di foglie e molto più bello dell'anno scorso
E' proprio il caso di dirlo, le ultime parole famose. Volevano abbatterlo già qualche anno fa, ma il comune ha ben pensato di spendere 160.000 (centosessantamila) euro per corazzarlo e prolungargli l'agonia per altri 5 anni. Tutto questo nel 2008, ottima mossa. Ma dico io, con tutta la gente che muore di fame, fate a pezzi quel cazzo di albero e sparagnate qualche soldo, anche Anna Frank approverebbe. E invece no, accanimento terapeutico pure sulle piante.

Boschetto di Gesù sia.

link

Morirono così


5 commenti :

  1. ma povero albero... :( mi commuove di più che sentire la notizia della morte di Frank Ryan.

    RispondiElimina
  2. Che triste notizia. Ero molto affezionato a quell'albero. Che ne piantino subito un'altro identico e nello stesso posto.

    RispondiElimina
  3. Dopo questa voglio che la redazione si segni di fare la commemorazione della morte di Hachiko (il cane), la cui famosa statua, ricordiamolo, è stata fusa durante la secondo guerra mondiale per farci delle pallottole.

    Mitici giappi!

    PS: poi la statua l'hanno rifatta.

    RispondiElimina
  4. già fatto http://www.ilmortodelmese.com/2010/03/mori-oggi-8-marzo.html

    RispondiElimina
  5. ziugà. devo proprio fare una ricerchina prima di lasciare commenti.

    RispondiElimina