venerdì 2 novembre 2012

Pino Rauti (1926-2012)

ROMA, ITALIA - Come avrete già letto in giro per l'internet sembra proprio che sia morto Pino Rauti. Per i più distratti fra voi, Rauti "è stato uno dei bravi, dei grandi di questa destra!", almeno questo è quello che afferma Assunta Almirante, vedova del fascista Giorgio.

Rauti, scavezzacollo come pochi, nella sua vita si è sempre trovato in mezzo ad attentati, azioni terroristiche, tentativi di ricostruire il partito fascista sia a livello nazionale che internazionale, addestramenti segreti in Grecia, stragi e quant'altro senza mai essere davvero accusato di qualcosa. La colpa, dicevano i vicini, era delle cattive compagnie; per fortuna girò le spalle a Fini quando a Fiuggi decise di essere più moderato e prima ancora a Michelini preferendogli l'Ordine Nuovo.
Per il resto della sua vita tra un indagine e l'altra si dedicò ad anagrammare MSI fino a che, finite le combinazioni possibili, si candidò con i forzanuovisti.

Molti lo ritengono il massimo rappresentante della sinistra neofascista e ne rimpiangono il braccio destro che ora, nella sua rigidezza cadaverica, rimarrà per sempre fermo, aderente al corpo. Molti altri invece festeggiano la morte del vecchio fascistone con uno slancio che uno non si aspetterebbe il giorno dei morti.

Entrambe le fazioni ad ogni modo si troveranno assolutamente rincuorate dal fatto che Rauti come un bravo alberello ha piantato semi qui e lì, non è un caso infatti che fosse il promotore dei Campi Hobbit (dove i giovani infilavano anelli e diventavano invisibili o creavamo croci celtiche umane).

Ora che il genero Gianni Alemanno è nel Pdl e parla male del Duce nei discorsi pubblici, tocca al casapoundino nipote Manfredi mantenere alto l'onore di famiglia, fatto di violenza, sotterfugi e piani segreti per un bel ritorno di terrore e privazione di diritti in Italia.

link

Morirono così


30 commenti :

  1. fascio è sempre merda.
    Pippopappo

    RispondiElimina
  2. che bello quando la gente di merda muore

    RispondiElimina
  3. Finalmente una bella notizia...

    RispondiElimina
  4. Ok. Però almeno è stato coerente fino alla fine, non come tanti ex fascisti che, per una poltrona al Governo si sono riciclati come la spazzatura. Troppo comodo..

    RispondiElimina
  5. È diventato un fascista buono, ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che hai un rigurgito!

      Elimina
  6. Peccato che queste merde campino troppi anni... comunque il mondo oggi è un po' più pulito!

    RispondiElimina
  7. Il fascista buono è sempre il fascista morto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orizzontale...con gli occhi chiusi...possibilmente freddo...

      Elimina
  8. Siete solo dei comunisti sinistronzi falliti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non serve essere comunisti o di sinistra per disprezzare la feccia nazi-fascista... Il male è male da tutte le prospettive

      Elimina
  9. Ciao Pino, vai e insegna agli angeli il saluto romano

    RispondiElimina
  10. mi ride anche il culo

    RispondiElimina
  11. Morto Rauti. Un altro parente di Alemanno ha trovato un posto fisso. (Rosaria Greco)

    RispondiElimina
  12. ONORE AL CAMERATA PINO RAUTI CHE CI HA LASCIATI
    EGLI HA RAGGIUNTO IL NOSTRO DUCE NEL CIELO DEGLI EROI DEL FASCISMO E DA LASSU' CI PROTEGGE DALLE INSIDIE DEI ROSSI,ASSIEME AL GRANDE GIORGIO ALMIRANTE,A FRANCISCO FRANCO E AD AUGUSTO PINOCHET! VIVA IL DUCE E VIVA IL FASCISMO TRIONFANTE! MORTE AI ROSSI ORA E SEMPRE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, ora smettila con youporn che, oltre a causare miopia, vedi che al tuo cervello un gran bene non fa...

      Elimina
    2. Ehm. E' morto. Dorme sottoterra tra i vermiciattoli adesso. Quella del cielo è una favola.

      Elimina
    3. l'ultima immagine gloriosa del Duce era quella del suo corpo puzzolente grasso e flaccido appeso come uno schifoso salame. Gli assassini e chi collabora ai genocidi non vanno in Paradiso

      Elimina
  13. A quando ANDREOTTI?

    RispondiElimina
  14. Una grande perdita... arrivederci camerata Rauti, ci incontreremo un giorno davanti ai portali del Vahalalla.

    NOBIS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quest'ora il camerata Rauti lo starà prendendo nel culo da Satana... ahahahhah, credi alla favoletta del Vallallah come io credo a Cappuccetto Rosso

      Elimina
  15. Virtuoso fu il Pino che sotto il peso della neve non cambiò colore. Camerata Rauti, presente!

    RispondiElimina
  16. Il Camerata Rauti Pino..
    Assente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assente giustificato...

      Elimina
  17. Pino Krauti. Un nuovo verme tra i vermi. Chissà che pranzetto.
    Casimira.

    RispondiElimina
  18. gran pezzo di merda fascista skifoso, vai a tenere compagnia allo stronzo di almirante
    bruciate all'inferno

    RispondiElimina
  19. Ahhhhhhhhhhhh un pezzo di merda in meno! Riposa in pace 'sti cazzi!

    RispondiElimina
  20. Fascistone di merda! Vai a dare il culo a Slobodan, Osama, Saddam e Adolf all'Inferno

    RispondiElimina